Una vita d'artista breve ma intensa

Giuliana Ippoliti, di nazionalità italiana e laureata in fisica, ha vissuto e lavorato a Ginevra dal 1972 al 2007, con il marito Giorgio Stefanini, fisico al CERN. Giuliana era professore di fisica e matematica al Cycle d’Orientation.

Nel 1992 ha scoperto il suo talento e la sua passione per la pittura e si è dedicata interamente alla sua attività artistica. Dopo la formazione di base, ha seguito classi e corsi avanzati, in particolare a Losanna e a Londra. Ha partecipato a diverse esposizioni; la sua ultima personale si è tenuta nel 2006 a Ginevra.

Nel 2004 Giuliana è stata colpita dal cancro. Ha avuto il trattamento clinico prima a Ginevra e poi a Zurigo, dopo che si era trasferita con Giorgio nel 2008 a Wilen SZ. È deceduta nell’aprile 2012.

Poco tempo dopo, il loro progetto comune di creare una Fondazione di utilità pubblica si è realizzato. La Fondazione Giuliana e Giorgio Stefanini ha iniziato la sua attività nell'agosto 2012. La Fondazione promuove e sostiene progetti mirati nella ricerca sul cancro, nelle arti visive e nella musica classica.

Le opere di Giuliana saranno lasciate alla Fondazione.

Per qualunque domanda,
rivolgetevi a Giorgio.




Le opere di Giuliana

Giuliana ha eseguito la maggior parte delle sue opere tra il 1994 e il 2004. Non si è mai arresa alla malattia; durante certi periodi di terapia doveva interrompere la sua attività, ma la riprendeva con vigore appena le sue condizioni fisiche miglioravano. Ha avuto il suo proprio atelier a Ginevra fino al 2007.

Giuliana desiderava esporre le sue opere nel suo nuovo luogo di residenza. Purtroppo questo non le è stato possibile.
Una retrospettiva ha vuto luogo allo Schlossturm di Pfäffikon SZ dal 19 al 28 settembre 2014. La retrospettiva è stata un omaggio di Giorgio a Giuliana e ha realizzato il suo desiderio. Il catalogo è disponibile su richiesta.

Giuliana ha lavorato con una larga gamma di media e di tecniche miste su tela, carta, cartone e legno. Ha fatto anche diverse incisioni. Ha sviluppato temi specifici, maschere ed alberi per esempio. I suoi soggetti sono spesso figure e luoghi immaginari. Le composizioni astratte costituiscono una parte considerevole delle sue opere.

La densità pittorica è intensa, la paletta di colori è calda e vibrante. L’osservatore riceve un’impressione molto forte.

Le gallerie di foto offrono un primo sguardo all’opera avvincente di Giuliana.




Gallerie di foto


Cliccare sulle miniature per ingrandire l’immagine.